Milano-Mompracem-colore-41.jpg
Milano-Mompracem-colore-14.jpg
Milano-Mompracem-colore-9.jpg
Milano-Mompracem-colore-16.jpg
Milano-Mompracem-colore-3.jpg
Milano-Mompracem-colore-12.jpg
Milano-Mompracem-colore-19.jpg
Milano-Mompracem-colore-81.jpg
Milano-Mompracem-colore-15.jpg
Milano-Mompracem-colore-5.jpg
Milano-Mompracem-colore-10.jpg
Milano-Mompracem-colore-6.jpg
Milano-Mompracem-colore-20.jpg

Dioramas

DIORAMAS
MILANO-MOMPRACEM

Un diorama è la rappresentazione realistica, in grandezza naturale, di una porzione di un particolare ecosistema.
Il museo di storia naturale di Milano ospita la più grande collezione di diorami d’Europa, contandone quasi 100, con un altissimo livello qualitativo di realizzazione.
Girando tra le sale del museo si possono incontrare colonie di uccelli marini sulle scogliere artiche, giaguari nella foresta di Monteverde in Costa Rica, linci sulle montagne del Lagorai, orsi del parco dello Yellowstone o a caccia di salmoni sul fiume McNeil, antilopi nel deserto della Namibia e lupi delle montagne abruzzesi.
Ci si può anche imbattere in un elefante indiano raffigurato nel parco del Kaziranga, e scoprire che quello tassidermizzato e inserito nel diorama è lo stesso elefante che per decenni ha animato lo Zoo di Milano, aperto negli anni 20 e chiuso nel 1992. La sua memoria sopravvive nei racconti di quanti erano bambini negli anni 50, e ricordano Bombay (questo il nome dell’elefantessa), con tanto di occhiali bianchi giganti appoggiati sulla proboscide, mentre gira la manovella di un organetto all’entrata dello zoo.
Alla sua morte, la pelle fu usata per il diorama, mentre i resti cremati andarono in una grande urna che prese il posto dell’elefantessa nella sua gabbia vuota dello zoo, e vi rimase per due anni, fino allo smantellamento dello zoo, a simbolo dell’affetto e della riconoscenza che i cittadini milanesi hanno nutrito per lei durante la sua lunga vita.

Digital Photography , 2011