IM2016001.jpg
IM2016002.jpg
IM2016003.jpg
IM2016004.jpg
IM2016005.jpg
IM2016006.jpg
IM2016007.jpg
IM2016008.jpg
IM2016009.jpg
IM2016010.jpg
IM2016012.jpg
IM2016014.jpg
IM2016015.jpg
IM2016016.jpg
IM2016017.jpg
IM2016018.jpg
IM2016019.jpg
IM2016020.jpg
IM2016021.jpg
IM2016022.jpg
IM2016024.jpg
IM2016025.jpg
IM2016026.jpg
IM2016027.jpg
IM2016029.jpg
IM2016030.jpg
IM2016031.jpg
IM2016032.jpg
IM2016033.jpg
IM2016035.jpg
IM2016036.jpg
IM2016037.jpg
IM2016038.jpg
IM2016039.jpg
IM2016040.jpg
IM2016042.jpg
IM2016043.jpg
IM2016044-1.jpg
IM2016045.jpg
IM2016048.jpg
IM2016050.jpg
IM2016051.jpg

Imagined Memories

Un amore perduto nella marea salmastra del tempo.

Al momento della morte, quali immagini rimangono nella mente? Le memorie reali degli eventi accaduti, ma anche false memorie che la mente colleziona e manipola da altre fonti e che vanno ad integrare quello che possiamo chiamare la storia della nostra vita. La creazione di false memorie è una condizione normale del funzionamento del cervello, che si produce tra l’acquisizione della memoria e il suo richiamo alla mente, e può essere un problema linguistico (dipendente dalle parole che associamo alle memorie) o un problema immaginativo (dipendente dall’ immagine che scegliamo di trattenere da un contesto più ampio).

Alla morte della mia ultima nonna, ho tentato di dare voce alle mille immagini che avevo di lei, del suo rapporto con un marito chiamato Mondo, del loro girovagare di porto in porto, della sua vedovanza precoce. Ho mescolato questa immagini con altre che esulano dai fatti reali, a formare una falsa memoria che me ne restituisca per intero la storia emotiva come l’ho vissuta, concedendomi il permesso di fraintendere la narrazione oggettiva.

A lost love in brackish tide of time.

At the moment of death, which memories remain imprisoned in mind? Real memories of happened events, but also false memories that mind collects and manipulates from other sources and that go to integrate what we might call the story of our lives. The creation of false memories is a normal condition of operation of the brain, that is produced between the acquisition of memory and its call to mind, and may be a linguistic problem (depending on the words that we associate with memories) or an imaginative problem ( depending on the image that we choose to withhold from a broader context).

At the death of my  last grandmother, I tried to give voice to the many mental images I had of her, of her relationship with a husband named Mondo (World), of their wandering from a port to another, of her early and long widowhood.

The result is a mixed story, of images of my life recounting her, of images of her death and even images that are only dreams, misunderstandings, apparitions, maybe one day passed through her mind staying stuck forever in the register of the memory.

—-

(ongoing project)